Festeggiamo! Scultura Viva compie 18 anni

In primo piano

Dal 7 al 14 giugno prossimi si terrà, lungo il Molo Sud del porto di San Benedetto del Tronto la diciottesima edizione di Scultura Viva, il simposio d’arte organizzato dall’Associazione l’altrArte in collaborazione con il Comune, l’Associazione Albergatori Riviera delle Palme, la ditta Europneumatica e altre aziende del territorio.

Nell’arco di diciotto anni sono state realizzate ben 145 opere d’arte, delle quali 135 sculture con il travertino degli scogli e 10 pitture murali, che costituiscono il Museo di Arte sul Mare.

E allora quest’anno si festeggia, con un contest su Instagram: insieme a @cittasbt@IgersPiceni, @gotourism e @picenopass  vi invitiamo ad usare il tag #sculturaviva18 per partecipare al challenge dedicato all’edizione 2014 e #seablutour per celebrare “Marche in Blu” la festa della Bandiera Blu che si terrà sabato 21 giugno in tutte le 17 località costiere delle Marche che hanno ottenuto il vessillo di qualità ambientale.

Da sabato 31 maggio fino a mercoledì 18 giugno godetevi una bella passeggiata al molo sud di San Benedetto del Tronto e taggate i vostri scatti con #sculturaviva18 e #seablutour 😉

Una giuria composta da rappresentanti dei partners dell’evento selezioneranno gli scatti migliori che si aggiudicheranno i seguenti premi: 1° CLASSIFICATO: cena di pesce per due persone al ristorante “Il Pescatore” di San Benedetto del Tronto offerta dall’Associazione Piceno Turismo (APT), 2° CLASSIFICATO: cena di carne per due persone al ristorante “Kontatto” di Pagliare del Tronto, 3° CLASSIFICATO: buono per due persone in un centro benessere offerto dalla “Stemar Viaggi”, 4° CLASSIFICATO: buono spesa presso il supermercato “Conad” di p.zza Tortora a San Benedetto del Tronto. I vincitori potranno ritirare i premi nella notte tra sabato 21 e domenica 22 giugno quando a partire dalle 0,30 al molo sud si terrà “A.MAM.I di notte” una visita guidata in notturna del MAM – Museo d’Arte sul Mare, una delle tante iniziative inserite nel ricco programma di “Marche in blu”.

Maggiori info sul challenge sul sito del Museo di Arte sul Mare.

Buon divertimento!

#sculturaviva18 #seablutour #mam #igersitalia #igersmarche #igerspiceni #gotourism #maredelpiceno #picenopass #marcheinblu #destinazionemarche

«E l’acqua blu mi spettina i diti…», il "Sogno" sambenedettese di Andrea Pazienza

In primo piano

Andrea Pazienza è nato a San Menaio (FG) ed è praticamente pugliese, pur vivendo tra Bologna e New York. Alto 1,86 cm, ha frequentato il liceo artistico di Pescara, rivelandosi presto un enfant prodige. Colto e brillante, pratica molti sport, nessuno escluso. Come tutti gli artisti del gemelli è del segno dei gemelli con ascendente sagittario. Freddo e calcolatore, ha fatto mostre a Pescara, San Benedetto del Tronto, Ascoli Piceno ed altre località della riviera adriatica. Dopo la pittura si è dedicato al fumetto mietendo successi e grano. Come ama ripetere nulla gli è impossibile, solo che non ha molta voglia. Il suo hobby è andare in bicicletta, anche perché non ha la macchina e gli hanno fregato il vespino. Ha collaborato ad Alter, e al Male. È stato tra i fondatori della rivista Cannibale ed attualmente è redattore del mensile Frigidaire. Essendo così giovane, 24 anni, la sua carriera può definirsi senz’altro folgorante. […] Alto e bello, disegna velocissimo, grazie ai raggi laser che spara dagli occhi. Non è mai stato eletto Presidente della Repubblica. Peccato.

24 anni Andrea Pazienza, in arte Paz, li aveva nel 1980. La citazione che vi abbiamo riportato qui sopra è sua, e ne riassume sia la biografia che la cruda ironia con cui il grande fumettista italiano disegnava e parlava di sé.
All’epoca la fantasia di Pazienza aveva già partorito Zanardi e Pentothal, primi celebri personaggi di quel suo immaginario a fumetti nel quale cominciavano a confluire  il destino, le astrazioni, la follia, la genialità, la miseria e la disperazione di una generazione, come intuì da subito l’amico e scrittore Pier Vittorio Tondelli.
Due anni dopo, nel 1982, Andrea mette nero su bianco (un) “Sogno“. È legato alla sua città natale, San Benedetto del Tronto, che vista da un pattino in mare aperto sembra “una repubblica di palme e birilli”. Sono le 9 di mattina e il moscone da cui Paz osserva la Riviera si allontana dalla spiaggia dello stabilimento Sud-Est per remare verso il largo di un viaggio onirico, quasi un’odissea delle piccole cose: gli occhi dei cannelli che si intravedono alla prima secca, la voce di una turista milanese che richiama a gran voce il figlio, lo starnazzare dei gabbiani, i pescherecci che rientrano in porto.

Per leggere la striscia Sogno, apri la prima immagine e scorri la gallery usando la freccia destra.

 

Anghiò, il festival del pesce azzurro

Anghiò è in dialetto sambenedettese l’alice, la regina per eccellenza del pesce azzurro. Sarà lei, insieme ovviamente a sgombri, sarde, riccioli e tonni, la protagonista della quarta edizione del Festival del pesce azzurro che si svolgerà a San Benedetto del Tronto dal 15 al 23 giugno.
Sarà una settimana ricca di iniziative centrate sul pesce: mostre a tema, laboratori didattici per bambini, piatti tipici cucinati dai migliori chef nostrani ed internazionali da degustare sul posto, e molto altro ancora.
Noi seguiremo giorno per giorno e ricetta per ricetta lo svolgersi dell’evento, documentandovi le iniziative e i piatti della nostra ricca tradizione ittica.
A breve tutte le novità ed il programma sul sito ufficiale.

L’evento nasce dalla collaborazione tra Tuber Communications e Sedicieventi, grazie al patrocinio della Regione Marche, con il progetto Porti Aperti, della Provincia di Ascoli Piceno ed il Comune di San Benedetto del Tronto.

Scultura Viva 2013

In primo piano

“Questo dipinto è suo?” – sembra una domanda retorica, paradossale, quella che fa un passante ad un uomo con un cappello in testa, un pennello in mano e una latta di vernice ai piedi. Entrambi sono davanti a un murales coloratissimo, psichedelico, tinteggiato sulla facciata di un masso.
“Beh, mio… è nostro.” – risponde l’uomo con il cappello e con un sorriso.
Il passante in questione si è fermato un attimo nell’ultimo tratto di Molo Sud di San Benedetto del Tronto, quello che dalla curva a gomito situata a metà percorso porta al faro rosso, là dove gli scogli frangiflutto perdono la loro morbidezza e si fanno più alti e squadrati. Con l’avambraccio appoggiato al fianco e il pugno a sostenere il mento, sbircia incuriosito l’opera “Andante… molto mosso… vivace” (foto qui a destra), un trittico dai colori vivaci ispirato al “gatto marino che osserva trasandato ed assente il passeggiare dell’umano essere”, per dirla con le parole dell’autore. Pino Rosetti, in arte Pirò, è uno dei 10 artisti che prenderanno parte a Scultura Viva 2013, l’estemporanea di scultura e pittura murale giunta quest’anno alla 17° edizione.
Dal 1996 ad oggi, 120 scultori provenienti da tutto il mondo hanno partecipato al simposio. Le loro opere, scolpite nel travertino dei massi frangiflutto, sono andate ad incrementare anno dopo anno l’ormai ricco repertorio del MAM (Museo d’Arte sul Mare), l’esposizione a cielo aperto che si sviluppa lungo il Molo Sud di San Benedetto del Tronto e nella quale si svolge la manifestazione. Il duplice obiettivo dell’evento è da una parte consentire agli spettatori, appassionati o profani d’arte che siano, di vivere in diretta la realizzazione di un’opera d’arte in ogni sua fase, e dall’altra quello di fondere l’arte ad uno dei posti più suggestivi della città, quel prolungamento di molo sospeso tra cielo, terra e mare in cui la mano dell’uomo e la natura sterminata sembrano scambiarsi per osmosi echi e suggestioni.
Ricapitolando: dall’8 al 15 giugno gli artisti saranno con scalpelli e pennelli in mano al Museo d’Arte sul Mare, mentre mercoledì 12 il Giacinto Cistola Trio inframezzerà la settimana creativa con una sessione live di jazz alle ore 21,30, sempre al Molo Sud di San Benedetto. Sabato 15 alle 18.30, in concomitanza con la cerimonia di chiusura del simposio, verranno infine presentate le opere realizzate.

 

Le 10 opere di Scultura Viva 2013 con foto e commenti degli artisti ai propri progetti:

– Sezione scultura 

1) Marisa Korzeniecki, ospite locale. Scolpirà “Scala verso l’infinito“.
“La scultura vuole rappresentare in maniera sintetica una parte di passaggio marino, in cui i tagli di luce riflessi sulla superficie dell’acqua si ricostituiscono in forme solide graduate, poste in modo da invitare a salire sullo scoglio dal quale possedere l’orizzonte.”

Scala verso l’infinito – Marisa Korzeniecki

 

2) Michael Levchenko, artista ucraino. Sta realizzando l’ “Oggetto archeologico per l’anno 5713“.
“Il passaggio dal presente al passato? Lo vediamo, lo sentiamo? Oggi, improvvisamente diventa ieri… noi viviamo in parallelo il passato, il presente e il futuro.”

Oggetto archeologico per l’anno 5713 – Michael Levchenko

 

3) Susanne Paucker, Germania. E’ alle prese con “Ascoltando il mare“.
“La mia opera si riferisce allo stretto collegamento della città di San Benedetto del Tronto e della sua gente, al mare. E’ importante fermarsi ogni tanto per ascoltare questa voce della natura che ci ricorda che noi siamo solo una parte di essa e che il mare senza uomini può esistere, mentre l’uomo senza il mare no.”

Ascoltando il mare – Susanne Paucker

 

4) Luis Ramos Rubio, scultore spagnolo. Il suo progetto si intitola “Reunion“.
“Il set dell’opera è un formato piramidale che ha lo scopo di unire il puro quadrato della terra con l’alto, con il cielo, nella quale la dualità svanisce come sabbia nel deserto.”

Reunion – Luis Ramos Rubio

 

5) Elena Saracino, artista italiana. Realizzerà la scultura “Tempus tero“.
“Il titolo in latino tempus tero vuol dire perdere il tempo: è ciò che avviene nell’attimo in cui si cerca l’infinito guardando il mare. Spogliandoci delle nostre maschere quotidiane, perdiamo il senso del tempo che si riflette nell’anima, e l’anima non ha età.”

Tempus tero – Elena Saracino

 

– Sezione pittura murale

1) DALeast, Cina. Dipingerà “Pili“.
“L’opera rappresenta un leopardo che sta correndo su ruote di fulmini.”

Pili – DALeast

 

2) Ethos, Brasile. Opera senza titolo.
“L’opera è un invito al mondo delle mie figure malinconiche e surreali che, combinandosi con un tocco di leggerezza e densità emozionale, sono le caratteristiche del mio lavoro.”

Senza titolo – Ethos

 

3) Faith47, Sud Africa. Disegnerà un chiaro-scuro intitolato “Night has fallen“.
“La notte e il silenzio sono caduti, i nostri cuori assopiti, il luogo dove nasce la quiete, il mondo durevole, il peso del nostro sguardo.”

Night has fallen – Faith47

 

4) Mr. Wany, Italia. “Colpevoli di un peccato non commesso” sarà il titolo della sua opera.
“Il mio disegno vuole denunciare gli storici pregiudizi sulla figura della donna nella storia e nella percezione popolare, il peccato originale, la donna spesso simbolo negativo di seduzione e d’inganno, gli si è addossata tutta la colpa dell’essere umano. Si è rinchiusa in mansioni di second’ordine. Le abbiamo rinchiuse nelle torri dei castelli perché troppo belle per condividerle. Questo è il mio tributo a tutte le donne.”

Colpevoli di un peccato non commesso – Mr. Wany

 

5) Pirò, artista sambenedettese, sta realizzando “Andante… molto mosso… vivace“.
“Divino, il gatto marino osserva il trasandato ed assente passeggiare dell’umano essere. Nascosto rapace notturno posto a protezione degli altri viventi dalle invadenti forze negative accumulatesi nella notte. Oh!, mostro di bellezza, innalzati per volare libero…”

Andante… molto mossovivace – Pirò

 

Scultura Viva

“Scultura Viva” è il simposio internazionale di scultura (e dall’anno scorso anche di pittura) che si tiene ogni anno al Museo del Mare, in corrispondenza del molo sud di San Benedetto del Tronto. La rassegna è giunta alla XVII edizione e anche quest’anno ospiterà dieci artisti, due locali e gli altri otto provenienti da Europa, Africa ed Asia.

La mostra “a cielo aperto” comincerà sabato 8 giugno e si concluderà domenica 30
Dove: Museo del Mare, Molo Sud di San Benedetto del Tronto

Per infopiernicola.cocchiaro@gmail.com

Francesco De Gregori al Palariviera di San Benedetto del Tronto

Si accende la stagione primaverile e musicale con uno degli ospiti più attesi in riviera: Francesco De Gregori. Mercoledì 15 maggio il cantautore romano sarà al Palariviera di San Benedetto del Tronto per presentare il suo ultimo album Sulla strada, uscito il 20 novembre 2012.
L’album ha venduto in pochi mesi 30.000 copie ed è stato premiato con il disco d’oro lo scorso 30 marzo.
Sul palco del Palariviera insieme a De Gregori ci saranno Paolo Giovenchi e Lucio Bardi alle chitarre, Alessandro Valle al mandolino, Alessandro Arianti tastiere e fisarmonica, Stefano Parenti alla batteria e Guido Guglielminetti al basso.

Dove: Palariviera, San Benedetto del Tronto
Quando: mercoledì 15 maggio ore 21,30
Prezzo: Terzo settore 29 euro; secondo settore 34,50 euro; terzo settore 46 euro
Prevendite disponibili su Ticketone.it

Il primo singolo dell’album, “Guarda che non sono io”:

Il calendario e i gironi della Euro Winners Cup, che comincia ora

In primo piano

Siamo giunti al fischio d’inizio della Euro Winners Cup, la prima edizione della coppa europea per club di beach soccer che comincerà alle 11 di oggi mercoledì 15 maggio e terminerà domenica 19 maggio. Venti squadre provenienti da 18 nazioni europee si fronteggeranno nella Beach Arena di San Benedetto del Tronto per contendersi il titolo di campioni d’Europa.
Fino a venerdì la competizione sarà suddivisa in cinque gironi da quattro squadre ciascuno. I primi due classificati di ogni girone si scontrano sabato mattina per i quarti di finale e nel pomeriggio per le semifinali. Nella giornata conclusiva di domenica avverrà il coronamento dei campioni: alle 14:45 finale per il terzo e quarto posto e alle 18:30 la finalissima.
Le squadre italiane che partecipano alla competizione sono tre: Sambenedettese Beach Soccer in qualità di padrona di casa, i campioni d’Italia del Terracina e la Viareggio BS, seconda classificata nella scorsa Serie A Enel 2012 nonchè vincitrice della Coppa Italia.

Tra i favoriti delle altre diciassette squadre, tutte vincitrici del campionato nazionale in patria, troviamo la russa Lokomotiv Mosca e il Gimnàstic de Tarragona, entrambi nello stesso girone (davvero poco fortunato) della Sambenedettese. Grandi aspettative anche per il  Grasshoppers Zurigo, che conta sulla presenza in rosa di quattro campioni europei in carica e delle stelle Stankovic e Amarelle.

La Umpi Smart Beach Arena sarà la location che ospiterà la Winners Cup: lo “stadio di sabbia” allestito per l’occasione è situato nell’area antistante l’ex-camping di San Benedetto del Tronto, a metà dei 4 chilometri di lungomare. In occasione dell’evento verrà presentato l’innovativo progetto SABBIA (Smart Arena Beach Best Innovation Available) realizzato dall’azienda UMPI, specializzata nelle tecnologie powerline e in particolare nel cablaggio delle Smart Cities. L’impianto di San Benedetto sarà infatti il primo al mondo a coniugare alla disciplina del beach soccer le parole d’ordine comfort tecnologico e sostenibilità, con l’obiettivo di far scaturire dallo sport un nuovo modo di vivere la spiaggia e insieme un’opportunità per la città.
Il torneo è organizzato dall’Assessorato allo sport di San Benedetto del Tronto in collaborazione con la Lega Nazionale Dilettanti e la Beach Soccer World Wide.

 

I 5 GIRONI

–   Girone A: Sambenedettese BS (Italia), Lokomotiv Mosca (Russia), Gimnastic Tarragona (Spagna), Falfala Kfar Qassem (Israele)
–   Girone B: Lexmax (Moldavia), Cf  Os Belenenses (Portogallo), Sc Montredon Bonneveine (Francia) e Besiksta Jk (Turchia).
–   Girone C: Goldwin Pluss (Ungheria), Ao Kefallinia (Grecia), Bate Borisov (Bielorussia) , Bs Egmond (Olanda).
–  Girone D:  Griffin (Ucraina), Viareggio Bs (Italia), Grasshoppers Club Zurich (Svizzera), Sandown Sociedad (Regno Unito).
–  Girone E: Terracina (Italia), Grembach Lodz (Polonia), Kreiss (Lettonia), Baku Fc (Azerbaijan)
IL CALENDARIO 

Mercoledì 15 maggio:
11.00-12.15 AO Kefallinia – Bate Borisov
11.00-12.15 Beach Soccer Egmond – Goldwin Pluss
12.15-13.30 Besiktas JK  – Lexmax
12.15-13.30 CF Os Belenenses  – SC Montredon Bonneveine
13.30-14.45 Viareggio BS  – Grasshopper Club Zurich
13.30-14.45 Sandown Sociedad  – Griffin
14.45-16.00 Grembach Lodz  – Kreiss
16.00-17.15 Baku FC  – ASD Terracina BS
17.15-18.30 Falfala Kfar Qassem BS Club  – Lokomotiv Moscow
18.30-19.45 Gimnàstic de Tarragona  – Sambenedettese BS

Giovedì 16 maggio:
11.00-12.15 Goldwin Pluss  – Bate Borisov
11.00-12.15 AO Kefallinia  – Beach Soccer Egmond
12.15-13.30 CF Os Belenenses  – Besiktas JK
12.15-13.30 Lexmax – SC Montredon Bonneveine
13.30-14.45 Viareggio BS – Sandown Sociedad
13.30-14.45 Griffin – Grasshopper Club Zurich
14.45-16.00 Grembach Lodz  – Baku FC
16.00-17.15 ASD Terracina BS – Kreiss
17.15-18.30 Lokomotiv Moscow  – Gimnàstic de Tarragona
18.30-19.45 Sambenedettese BS – Falfala Kfar Qassem BS Club

Venerdì 17 maggio:

11.00-12.15 Bate Borisov – Beach Soccer Egmond
11.00-12.15 Goldwin Pluss  – AO Kefallinia
12.15-13.30 SC Montredon Bonneveine  – Besiktas JK
12.15-13.30 Lexmax  – CF Os Belenenses
13.30-14.45 Griffin  – Viareggio BS
13.30-14.45 Grasshopper Club Zurich  – Sandown Sociedad
14.45-16.00 Kreiss – Baku FC
16.00-17.15 ASD Terracina BS- Grembach Lodz
17.15-18.30 Falfala Kfar Qassem BS Club  – Gimnàstic de Tarragona
18.30-19.45 Sambenedettese BS – Lokomotiv Moscow

Sabato 18 maggio:  h 9:00 quarti di finale – h 17:45  semifinali
Domenica 19 maggio:  h 14:45 finale per 3° e 4° posto – h 18:30 finale per il 1° posto

Samb-Bayern Monaco, storia di un’amicizia nata in curva nord

In primo piano

Cosa hanno in comune il pontefice emerito Joseph Aloisius Ratzinger e l’Oktoberfest, l’imponente fiera della birra che si tiene ogni anno a Monaco di Baviera? Ad entrambi si può pensare con religioso rispetto, certo, anche se per motivi totalmente differenti e che nel secondo caso nulla hanno a che fare con la religione vera e propria, seppure l’elevato consumo di alcol possa condurre alcuni a deliri mistici. Nei fatti è la provenienza che li accomuna: lo stato federato tedesco (Land) meglio noto come Baviera.
Baviera, Riviera; non è una rima di poco conto, vista la strategia di promozione turistica, presentata in conferenza stampa il 7 marzo, che verrà a breve attuata dall’Associazione Albergatori Riviera delle Palme e BeeLab. Lunedì 11 marzo si è tenuta infatti la presentazione ufficiale di San Benedetto del Tronto al ristorante Gutshof Menterscwaige di Monaco alla quale è seguita l’inaugurazione di un sito web dedicato per intero a promozioni turistiche mirate alla popolazione bavarese.
Si è deciso di focalizzare l’attenzione proprio sulla Baviera a partire da accurate analisi della domanda e dei flussi turistici, da cui è emerso un crescente interesse verso la riviera marchigiana e San Benedetto in particolare, non a caso: esiste infatti un patto d’amicizia che lega Monaco di Baviera alla nostra città, un gemellaggio fra la tifoseria del Bayern Monaco e quella Sambenedettese che negli anni ha portato ad amichevoli trasferte. 

Tutto è nato il 26 marzo del 2005, in occasione del match di campionato Samb-Napoli. Il movimento ultras tedesco aveva già cominciato ad appassionarsi alle curve italiane, sia a quelle da serie A che alle realtà minori con un buon seguito di tifoserie. Quest’ultimo era, ed è tuttora, il punto forte della squadra di casa nostra. Giunse così a San Benedetto del Tronto per dare man forte ai cori – e ai cuori – dei nostri tifosi, un drappello di ultras dell’ F.C. Bayern Monaco.
Da quel giorno, grazie anche ad un ultras sambenedettese che padroneggia la lingua tedesca, si instaura dapprima un’amicizia e poi un gemellaggio.

I tifosi del Bayern, in particolare il gruppo Schickeria, hanno seguito la Sambenedettese in molti appuntamenti in casa, in trasferta (a Cava dei Tirreni, Reggio Emilia, Pescara) e dal 2008 sono sempre presenti al torneo in ricordo della morte di Luigi Coccia, in arte Tamburello, tifoso storico della Samb. 

La tifoseria sambenedettese, da parte sua,  non è mai mancata alle partite più importanti. Basti citare, tra tutti, i due match di Champions League: il 7 aprile 2010 Manchester-Bayern (terminata 3 a 2 per il Manchester) e la finalissima del 22 maggio dello stesso anno, Inter-Bayern (vinta 2 a 0 dal club milanese, con doppietta di Milito). Ogni anno, inoltre, molti ultras nostrani partono alla volta della Germania cercando di far coincidere una partita del Bayern con la più grande fiera del mondo, l’Oktoberfest.

Sono stati centinaia i tifosi tedeschi che negli ultimi sette anni hanno trascorso le vacanze in Riviera, a dimostrazione della solidarietà e della passione che l’universo calcistico – quello buono – può portare con sé. Un sodalizio che dal caloroso mondo del calcio è approdato alle nostre spiagge, e spera di tornarci.

 

Le vostre immagini e parole dal concerto di Vincio Capossela

In primo piano

Vinicio Capossela a San Benedetto del Tronto

Immagini e parole dal concerto del 6 agosto 2012 di Vinicio Capossela al porto di San Benedetto del Tronto per il tour Rebetiko Gymnastas.

Storified by · Tue, Aug 07 2012 05:19:26

Stasera Vinicio Capossela a scrocco dalla terrazza del circolo è #benebeneMaria Giulia Zeller
Vinicio, noi stiamo arrivando..!!vandalamatta
Qualcuno sa quanto costa il concerto di Vinicio Capossela stasera a SBT e se ci sono posti?Luca Di Bella
Tanti auguri a me 🙂 #viniciogamogni
Foto appena pubblicata @ concerto Vinicio Capossela S. Benedetto http://instagr.am/p/N_4JMeIKkW/Michele Levi
Aspettando Vinicio Capossela #OpenSea #porto #SanBenedetto http://pic.twitter.com/WjlK7GzEcittasbt
Musica nel #maredelpicenorobertocapriotti
Capossela #sanbenedettodeltronto http://instagr.am/p/N__WexBtmS/GiusyG
Capossela fa ginnastica al #porto di #SanBenedetto #OpenSea http://pic.twitter.com/FuRYQ41Vcittasbt
CaposselaLuca Mestichelli
Vinicio Capossela @ Open Sea 12 San Benedetto del Tronto http://instagr.am/p/OABHllu3Hs/Krapp
Vinicio Capossela mi confonde e mi incanta al porto di #sanbenedettodeltronto…Barbara Torquati
Vinicionaffera
Vai vai, tanto non è l’amore che va via… #Capossela #sanbenedettodeltrontoBarbara Torquati
Vinicio Capossela @ Open Sea 12 (@ Faro S. Benedetto Del Tronto) [pic]: http://4sq.com/Nf6y6TKrapp
Signora Luna proteggi i Rebetiko Gymnastas e Vinicio Capossela http://instagr.am/p/OADP3Ipczh/Fabio Curzi
#openyoursea#opensea#sbt#igerspiceni#igersmarche#igersitalia#viniciocapossela#bw#blackandwhite#concertuzLuca Mestichelli
Capossela legge il Canto notturno di un pastore errante nell’Asia, mentre Signora Luna sorge sul mare di Leopardi #marcheFabio Curzi
l’illusione e’ il lusso della gioventu’ #Capossela #SanBenedetto #OpenSeaEleonora Camaioni
Capossela 3Luca Mestichelli
"Ho il Ballo di San Vito e non mi passa" cit. Io ti amo, Vinicio Capossela..vandalamatta
La lentezza è aristocratica e la nobiltà è d’obbligo #CaposselaLivia Petrucci
Incredibile Capossela, incredibile ancora suona.. http://pic.twitter.com/CT4aRxwUEmidio Girolami
Un indizio sul comò… #Capossela #sanbenedettodeltrontoBarbara Torquati
ScivolaLuca Mestichelli
solo nell’errore manifestiamo la nostra natura #Capossela #OpenSeaEleonora Camaioni
Capossela chiude con La canzone delle semplici cose, dedicata a Chavela Vargas, morta ieriFabio Curzi
VinicioMarcello Concetti
quando e’ sprecata la vita, e’ sprecata in ogni dove #Capossela #OpenSea #SanBenedettoEleonora Camaioni
#caposselasaraele
sciolse il suo dono d’amore e a lei si dono’ #Capossela #OpenSea #SanBenedettoEleonora Camaioni
la luna altre stelle pregava che l’alba imperiosa cacciava #Capossela #OpenSea #SanBenedettoEleonora Camaioni
#viniciocapossela #live #porto #opensea #igerspescara #igerspiceni #igersmarcheFrancesca Paci
Concerti… E che concerti grazie Vinicio. #viniciocaposselaFrancesca Rocini
Doveroso ricordo di chavela Vargas da parte di Vinicio Capossela al concerto al porto di san benedetto del tr, grazie a paolo de bernardinGiovanni Gaspari
Discussioni sul fascino hipster di Capossela… (@ Osterix) http://4sq.com/Mp4XsSmichele bonelli
Grazie…Chiara Bellesi
Capossela al porto di San Beach è stato uno spettacolo…..tra il faro e le vele……e lui non si è risparmiato, anzi…..E’ tornato sul palco 4 volte bagnandoci di Montepulciano…Con una band che non ha aggettivi……Alexander Supertramp
"La lentezza è aristocratica e la nobiltà obbligatoria". Capossela visto da sotto il palco riusciva quasi a farmi piangere. Maestro.Marco Salvatore
Vinicio Capossela Rebetikos gymnastas Live@ San Benedetto del TrontoVincenzo Pioggia
Appunti magici su #Capossela. Il correttore automatico dell’iphone ha reso tutto magico e incomprensibile.Confido nelle riprese di @manuvoltRaffaellaStacciarini