Castelli di sabbia

 Sabbia e acqua sono elementi tanto semplici e primitivi quanto, miscelati insieme, un impasto miracoloso per costruire sculture sugli arenili di tutto il mondo.
Sulla spiaggia il castello di sabbia è uno dei più classici passatempi per i bimbi muniti di paletta e secchiello e per i tanti artisti che nelle competizioni dedicate si destreggiano con coltellini e mirette nella realizzazione di vere opere d’arte.
Abbiamo detto che bastano sabbia e acqua per dar vita alla nostra immaginazione in riva al mare. Dobbiamo aggiungere che l’acqua da miscelare con la sabbia può essere sia di mare che di fiume: non è infatti, come ritenuto da molti, il sale a fare da collante per la resistenza della scultura, bensì le molecole stesse contenute nell’acqua le quali, avendo sia carica negativa che positiva, fungono da vere e proprie calamite. Per dare consistenza e forma all’opera sono necessari coltellini o scalpellini per il legno, uniti ovviamente a tanta fantasia e manualità.
In Italia la più importante gara si svolge a Jesolo, cittadina veneta in cui ogni anno dal 1998 decine di professionisti e appassionati si danno appuntamento per il Festival internazionale delle sculture di sabbia, evento dedicato ogni edizione ad un tema diverso. Altra curiosità sabbiosa sono i presepi che molte città organizzano nel periodo natalizio, come quelli di Città di Castello, Cesena e Rimini.

Ecco la costruzione di una scultura sulla costa di Los Angeles ripresa con la tecnica del time-lapse:

L’espressione “castelli di sabbia” oggi indica un qualcosa di volubile, una costruzione mentale fragilissima e di breve durata. Per quanto riguarda la stabilità e la durata dei castelli di sculture reali, invece, una maggiore sicurezza si ottiene quando il volume dell’acqua utilizzata non supera l’1% di quello della sabbia. Oltre alla composizione dell’impasto, bisogna far attenzione anche ai rapporti tra base ed altezza della struttura: il rapporto ideale è stato calcolato da un’equipe di scienziati, secondo i quali l’altezza massima che può raggiungere una colonna di sabbia senza franare è pari alla radice cubica del quadrato del raggio della sua base.

Un breve video su come costruire una scultura di sabbia:

Seguici su Twitter

  • ...loading...

Seguici su Facebook

Realizzato col contributo di...

© Mare del Piceno
Tutti i diritti riservati