Teatri invisibili: “Addio a Lugano”

Venerdì 31 agosto

Spettacolo a cura di Lucilio Santoni con Piergiorgio Cinì (voce recitante), Beatrice Bellabarba (voce jazz), musiche di autori vari, arrangiamenti Alberto Albanesi, esecuzione Alessandra Castelli (flauto), Edoardo Mancini (clarinetto), Alberto Albanesi (clarinetto), Simona Mariani (clarinetto basso), Enrico Tancredi (fagotto), direttore Federico Paci.

Uno spettacolo su personaggi anonimi, eroi di seconda classe, accomunati sempre da una grande sensibilità. Sicuramente testardi, fedeli all’idea di rivoltare il mondo, uniti dalla visionarietà dei sognatori, gli anarchici hanno avuto la ventura di cadere nelle pieghe oscure della storia. Addio a Lugano è una narrazione che ci invita a non dimenticare l’origine degli ideali che per più di un secolo hanno anelato a cambiare il mondo ed è contemporaneamente un omaggio, fatto con l’unico metodo possibile che è quello della memoria critica. Se il Novecento ha decretato la fine di comunismo e socialismo, il nostro secolo sta decretando l’impossibilità di vita sul pianeta sotto il regime liberal-capitalista. In tal senso, il pensiero anarchico, arricchito da quello dei grandi filosofi che si sono nutriti del pensiero libertario, è oggi più che mai un orizzonte da mantenere vivo per una possibile via d’uscita dal vortice mortifero dell’odierno finanza-capitalismo.

Dove e quando: venerdì 31 agosto, ore 21.30 – Cinema Margherita, Cupra Marittima

Ingresso libero

Seguici su Twitter

  • ...loading...

Seguici su Facebook

Realizzato col contributo di...

© Mare del Piceno
Tutti i diritti riservati