Il Kitesurf

Uno sport acquatico giovanissimo che dal 1999 sta spopolando sulle coste di tutto il mondo: sì, stiamo parlando del kitesurf, la variante del surf, che del surf ha la tavola e più del surf il grande aquilone (kite) colorato e la barra di controllo (boma) che permette di manovrarlo.

In realtà per capire le origini del kite dobbiamo fare un salto indietro di quasi un secolo e finire prima in Inghilterra da Samuel Cody, che sperimentò l’aquilone per scopi bellici, poi in America, dove anni più tardi l’aeronautico californiano Francis Rogallo mise a punto i prototipi del deltaplano e  del parapendio.
Le apparizioni dei primi kite rudimentali risalgono al 1983, anno in cui nelle acque australiane giovani sportivi si facevano trainare dal vento su degli sci nautici. Due anni dopo, nell’ 85, il francese Bruno le Gaignoux brevettò “Wipica”, il prototipo leader degli attuali kite.
Planare sull’acqua (freeriding), cimentarsi in evoluzioni e tricks (freestyle),  sulle onde (wavestyle) o su acqua piatta (wakestyle): la disciplina consente grandi possibilità di movimento e giravolte aeree.

Uno sport “ecologico” – gli elementi chiave sono il vento e il mare – e al contempo “estremo”: grazie alla forza motrice che riesce a sfruttare, il kitesurf è attualmente il natante più veloce mosso dal vento.
Al contrario del surf e dello windsurf, il kitesurf non ha infatti bisogno né di grandi onde né di venti forti, e questo lo rende facilmente praticabile anche sulle coste italiane.
Prima di avvicinarsi alla pratica, onde evitare pericoli, è consigliabile apprendere qualche cenno teorico sui venti, la teoria del volo e i sistemi di sicurezza da adottare.
A livello nazionale, negli ultimi anni il circuito italiano si è ampliato favorendo la nascita di associazioni di amatori, appassionati e sportivi più esperti. Tra le principali: International Kitesurf University (IKU), Federazione Kitesurf Italia (FKI), International Kiteboarding Organization (IKO), Associazione Kitesurf Italiana (AKI), Federazione Sport Kite Italia (FSKI).

Per avere qualche informazione in più sulla disciplina consulta il portale ufficiale del kyte surf italiano http://www.kitesurfing.it/web/guest/home, o il sito della comunità italiana dei kytesurfer http://www.kitesurf-italia.com/.
Inoltre, un forum tutto dedicato alla disciplina (http://www.kiteforum.it/) e consigli e articoli tecnici su http://www.kite-tecnica.it/.

 

I corsi di vela e tavole a vela in Riviera:

GROTTAMMARE 

Circolo Velico Le Grotte
Via C.Colombo, 20 – 63013 Grottammare
cell.339.6020386 – tel/fax 0735.631678
segreteria@cvlegrotte.it www.cvlegrotte.it

Club Pescasport Amici del Mare
Via Roma, 90 – Base nautica Via Colombo, 14
63013 Grottammare
tel. 0735.632140
cn.amicidelmare@katamail.com
(Corsi individuali)

 

SAN BENEDETTO DEL TRONTO

Circolo Nautico Sambenedettese
Via delle Tamarici, 3
63039 San Benedetto del Tronto
tel. 0735.584255 – fax 0735.594675
info@circolonautico.info www.circolonautico.info

Circolo Nautico Ragn’a Vela 
Sede Nautica-Viale Europa, 71 – tel. 0735.658727
Segreteria-Via Sgattoni, 24 – tel.  0735-762230
63039 San Benedetto Del Tronto
Lungomare di San Benedetto del Tronto tra Conc. 71-71 bis
ragnavela@ragnavela.com www.ragnavela.com

Gruppo Kitesurfing Lega Navale Italiana
Lungomare A.Scipioni, 6 – 63039 Porto D’Ascoli
Segreteria (martedì e sabato dalle ore 16.30 alle ore 19.30)
tel. 0735.84969 – cell. 347.5471688

Lega Navale Italiana 
Darsena turistica Molo Sud C.P. 174 – 63039 San Benedetto Del Tronto
tel. 0735.84969 – cell. 347.5471688
info@jacklabolina.it
www.lnisanbenedettodeltronto.it

Seguici su Twitter

  • ...loading...

Seguici su Facebook

Realizzato col contributo di...

© Mare del Piceno
Tutti i diritti riservati