Dall’Adriatico ai Pirenei, Nibali conquista anche il Tour

il-tour-de-france-2014-e-di-vincenzo-nibali-l-bznkae-785716865Mancava solo il Tour de France, a Vincenzo Nibali, per completare il trittico delle grandi competizioni. Il ciclista messinese, già vittorioso alla Vuelta di Spagna nel 2010, e al Giro d’Italia lo scorso anno, diventa il sesto corridore nella storia ad aggiudicarsi la Tripla Corona, ovvero la vittoria di almeno un’edizione di tutti e tre i Grandi Giri.
Avevamo già parlato di lui, qui e qui, in occasione della Tirreno-Adriatico, vinta da Nibali nel 2012 e bissata l’anno successivo.

Un antipasto di vittorie che sono state preludio per ben più grandi successi.
E così la passerella finale di sabato 26 luglio, a Parigi, ha visto entrare definitivamente il campione nostrano nella storia del ciclismo.
Prima di lui, solo in cinque erano riusciti nella triplice impresa: Jacques Anquetil, Felice Gimondi, unico altro italiano, il mostro sacro Eddy MerckxBernard Hinault e, per ultimo, Alberto Contador. Lo spagnolo, suo grande rivale, è stato l’ultimo a completare la tripletta, nel 2008.
Poi è arrivato lo Squalo di Messina.

Tennis Cup: il campione di Wimbledon Gianluigi Quinzi in settimana a San Benedetto

Era attesissimo anche il tennista Gianluigi Quinzi, fresco vincitore del torneo juniores di Wimbledon, all’ATP Challenger Tour di San Benedetto del Tronto. Il campione diciassettenne di Porto San Giorgio ha dato forfait per affaticamento, ma sarà comunque in settimana al Circolo Tennis Maggioni di San Benedetto per allenarsi e salutare il pubblico.
La Banca dell’Adriatico Tennis Cup, questo il nome della competizione sambenedettese, è cominciata lunedì 8 e si disputerà fino a domenica 14 luglio sulla terra rossa del Maggioni. Il torneo fa parte degli ATP Challenger Tour, la serie di internazionali maschili che permettono ai giocatori di seconda fascia di salire di ranking ed accedere ai tabelloni o alle qualificazioni degli ATP World Tour 250 (e 500) series.
Per quanto riguarda il montepremi, i 30.000 euro complessivi saranno così ripartiti: 310 € ai promossi al primo turno, 530 per chi si aggiudica il secondo, 875 € andranno a chi disputa i quarti, 1.500 e 2.500 rispettivamente ai semifinalisti e ai finalisti. Al vincitore spettano 4.300 €.

Siamo giunti al terzo giorno di gioco, e tra gli italiani ancora in gara c’è un ottimo Stefano Travaglia, che conquista il secondo turno vincendo contro il serbo Boris Pashanski per 6-4 e 6-4 in un’ora e 18 minuti. Male per l’altra stella nostrana, Potito Starace, sconfitto ieri da Andrej Martin con il risutato di 6-4 al primo set, 4-6 al secondo e 6-3 alla fine del terzo. Finisce qui anche l’avventura di Gianluca Naso, campione in carica del challenger di San Benedetto, battuto in tre set dal francese David Guez.
Gli altri italiani ammessi al secondo turno sono Thomas Fabbiano, Alessandro Giannessi e Alessio Di Mauro.

Pedalando lungo il litorale marchigiano-abruzzese

Quale occasione migliore per coniugare tempo libero, sport e cultura? La Biciclettata Adriatica 2013 di domenica 2 giugno, giunta alla terza edizione, si appresta anche quest’anno a pedalare lungo la costa marchigiana ed abruzzese. Quello che partirà da San Benedetto del Tronto – e da Francavilla per gli abruzzesi – è l’itinerario numero 6 del Bicitalia Day, la festa annuale del cicloturismo organizzata dalla FIAB (Federazione Italiana Amici della Bicicletta) che coinvolge molte delle regioni italiane.
Unico e semplice requisito per partecipare: una bicicletta.
L’iniziativa sambenedettese è sponsorizzata dalla sezione locale di Legambiente con il patrocinio del comune di San Benedetto e  muove alla sensibilizzazione dei cittadini sulla mobilità sostenibile, in particolare riguardo l’ambizioso progetto della Ciclovia Adriatica, la pista ciclabile in via di realizzazione che arriverebbe a congiungere Ravenna a Santa Maria di Leuca (Lecce), per un totale di 900 chilometri. Il percorso Marche-Abruzzo di domenica (che vedete rappresentato dalla retta blu nella foto qui a destra) procederà in due direzioni, da nord a sud per il gruppo che parte da San Benedetto del Tronto (AP), i cui partecipanti toccheranno lungo i 40 km tutti i comuni costieri del teramano: Martinsicuro, Alba Adriatica, Tortoreto, Giulianova, Cologna Spiaggia, Roseto e Scerne di Pineto. Il secondo gruppo, in partenza da Francavilla al Mare (Chieti) direzione nord, percorrerà un tragitto più breve (34 km) attraversando il litorale di Pescara, Montesilvano e Silvi Marina.
In tutti i comuni attraversati è prevista una piccola sosta per rifocillarsi, prendere fiato e ammirare le bellezze dell’Adriatico. I due gruppi si ricongiungeranno a Pineto (arrivo previsto per le 13) e avranno la possibilità di visitare la Torre di Cerrano, una delle antiche torri costiere del Regno di Napoli al cui interno è oggi ospitato il Museo del Mare.

Per farvi un’idea, nel video sotto un estratto dell’edizione 2012, tratto Giulianova-Pineto-Torre Cerrano.

N.B., per i più pigri: se il pensiero del ritorno già vi stanca non preoccupatevi, c’è la possibilità di rientrare a San Benedetto con un treno fornito di trasporto biciclette.

Ricapitolando:
– si parte domenica 2 giugno alle ore 8.30 dalla Rotonda Giorgini, isola pedonale di San Benedetto
Per info: tel. 3474670843 – web: Bicitalia

Semifinali Euro Winners Cup, domani la finalissima

La 1° Euro Winners Cup è ormai agli sgoccioli. Le sabbie della Beach Arena di San Benedetto del Tronto hanno decretato i 4 vincitori della penultima giornata del torneo europeo di beach soccer.
Sono state otto le squadre che ieri hanno strappato il biglietto per i quarti di finale: Grasshopper Zurich (SUI), Goldwinn Pluss (HUN), Grembach Lodz (POL), Griffin (IKR), Besiktas (TUR), Bate Borisov (BLR), Lokomotiv Moscow (RUS) e Terracina (ITA).
Quella di ieri è stata la giornata decisiva per le altre due squadre italiane, il Viareggio  e la Sambenedettese, che hanno visto svanire di un soffio la qualificazione. I toscani hanno perso 5-6 contro il Griffin e la padrona di casa si è invece degnamente inchinata alle stelle russe del Lokomotiv per 4-5.
Solo il Terracina, nonostante la sconfitta contro il forti polacchi del Grembach Lodz, è rientrato tra le migliori seconde squadre dei 5 gironi, passando alla fase successiva. I momenti salienti della partita:

Purtroppo la fortuna non ha continuato ad assistere i campioni d’Italia, che alle 12.45 di oggi hanno affrontato la superfavorita del torneo, il Lokomotiv Moscow. I russi portano a casa la vittoria con un netto 6-0, approdando così alle semifinali insieme al Griffin, al Besiktas e al Grasshopper. Nel pomeriggio, ore 17.45, si disputerà Griffin – Grasshopper Zurich, poi Lokomotiv Moscow – Besiktas. E domani la finalissima.

 

Euro Winners Cup: sintesi della seconda giornata

Al termine della seconda giornata della Euro Winners Cup comincia a definirsi lo scenario della gara. Giorno fortunato per due delle italiane: il Terracina guadagna infatti altri tre punti portandosi rispettivamente in testa al girone al girone E con due vittorie su due partite. Inoltre, con due squadre a zero punti nel proprio girone e un solo match rimasto da giocare, conquista matematicamente l’accesso ai quarti di finale previsti per sabato 18. I vicecampioni d’Italia viareggini riscattano invece la sconfitta di ieri con un sonoro 7 a 1 contro la Sandown Sociedad. Partita da dimenticare per la Sambenedettese, battuta ai rigori dagli israeliani del Falfala Kfar Qassem. I rossoblù tenteranno oggi di portare a casa i tre punti necessari per evitare l’eliminazione.

I risultati di giovedì 16:

Sambenedettese BS -Falfala Kfar Qassem  4 – 5 (rigori)

Lokomotiv Moscow – Gimnàstic Tarragona 5 – 2

Terracina – Kreiss  7 – 3

Grembach Lodz – Baku  2 – 1

Griffin – Grasshopper Club Zurich 6 – 7

Viareggio – Sandown Sociedad  7 – 1

Belenenses  – Besiktas  3 – 5

Lexmax – Montredon Bonneveine  5 – 6

Goldwin Pluss  – Bate Borisov  3 – 4

Kefallinia  – Egmond  4 – 1

 

La classifica

Girone A: Lokomotiv Mosca 6, Sambenedettese BS 3, Falfala Kfar Qassem 3, Tarragona 0
Girone B: Besiktas JK  6, Belenenses 3, Montredon Bonneveine 3, Lexmax 0
Girone C: Kefallinia 6, Goldwin Pluss 3, Bate Borisov 3, Egmond 0
Girone D: Grasshopper 6, Griffin 3 punti, Viareggio 3, Sandown Sociedad 0
Girone E: Terracina 6, Grembach Lodz 6, Baku FC 0, Kreiss 0

 

Il programma di venerdì 17 maggio

11.00-12.15 Bate Borisov – Beach Soccer Egmond
11.00-12.15 Goldwin Pluss  – AO Kefallinia
12.15-13.30 SC Montredon Bonneveine  – Besiktas JK
12.15-13.30 Lexmax  – CF Os Belenenses
13.30-14.45 Griffin  – Viareggio BS
13.30-14.45 Grasshopper Club Zurich  – Sandown Sociedad
14.45-16.00 Kreiss – Baku FC
16.00-17.15 ASD Terracina BS- Grembach Lodz
17.15-18.30 Falfala Kfar Qassem BS Club  – Gimnàstic de Tarragona
18.30-19.45 Sambenedettese BS – Lokomotiv Moscow

 

Euro Winners Cup: sintesi della prima giornata

Comincia la seconda giornata della Euro Winners Cup, le venti squadre affronteranno oggi il secondo match di quella che può essere definita la Champions League del beach soccer.
La prima giornata è risultata positiva per due delle italiane in gara, i padroni di casa della Samb Beach Soccer e il Terracina, meno per il Viareggio che soccombe sul 5-7 al fischio finale dell’arbitro contro gli svizzeri del Grasshoper. Non tradiscono le aspettative i russi del Lokomotiv Mosca, che sfiorano il cappotto (8-1) contro gli isreliani del Falfala Kfar Qassem.

 

Le gare e i risultati:

Gimnàstic de Tarragona – Sambenedettese BS   4 – 8
Reti: 2’pt Frutos (T), 4’pt Soria (S), 5’pt Tavares (S), 6’pt Soria (S), 8’pt Frutos (T), 9’pt Pares (T); 4’st Ietri, 4’st Frutos (T), 5’st Ietri (S), 8’st Bruno Novo (S), 9’st Lucio (S); 1’tt Soria (S)
Ottimo esordio per i campioni di casa della Sambenedettese Beach soccer. Nei primi quattro minuti un rimbalzo sbagliato spiazza il portiere rossoblù Ruspantini. L’1 a 0 per gli spagnoli non dura molto, la Samb si riporta subito sull’1 a 1 con una rete di Soria. Passa un minuto e c’è il raddoppio di Tavares. Tre gol in cinque minuti per il duo Soria-Tavares. Sembra una vittoria già scritta per i nostri, ma due reti di Frutos e Pares sanciscono di nuovo il pareggio. Nella seconda frazione gli spagnoli cominciano ad accusare la stanchezza, ne approfittano Bruno Novo e Lucio che segnano due reti decisive per la Samb. Alla fine della prima giornata, i rossoblù sono in testa al girone insieme ai campioni del Lokomotiv Mosca.

Viareggio BS – Grasshoper Club Zurich  5 – 7
Reti: 8’pt Valenti (V), 12’pt Gori (V); 2’st Valenti (V), 5’st Osso (G); 5’st Nico (G), 6’st Amarelle (G), 8’st Stankovic (G); 4’tt Stankovic (G), 6’tt Gori (V), 6’tt Hoppler (G), 7’tt Gori (V), 8’tt Nico (G)
I vice-campioni d’Italia hanno combattuto fino al suono della sirena. Una doppietta di Valenti e un gol di Gori hanno portato avanti il Viareggio di tre reti, poi superati 4-3 dal Grasshoper. La fortuna non assiste i toscani che prendono a metà partità due pali e una traversa. Altri due gol di Gori non bastano a frenare gli svizzeri guidati da uno Stankovic in ottima forma. 5 a 7 il risultato finale.

Baku FC  – ASD Terracina BS    1 – 3
Reti: 5’st Llorenc (T); 9’st Llorenc (T), 11’st Ramil (B); 4’tt Llorenc (T)
Non rischiano molto i campioni d’Italia, in questa partita. Riescono comunque a portare a casa i tre punti cominciando con la rete dello spagnolo Llorenc, che porta in vantaggio il Terracina all’inizio del secondo tempo con un gol in rovesciata. Il raddoppio è firmato da una semirovesciata di Leon al 9′, mentre gli azeri del baku accorciano le distanze con un tiro libero di Ramil. La doppietta di Leon sancisce la vittoria del Terracina.


AO Kefallinia  – Bate Borisov   3-2
Beach Soccer Egmond  – Goldwin Pluss  4-5
Besiktas JK  – Lexmax  5-4
CF Os Belenenses  – SC Montredon Bonneveine  6-5
Sandown Sociedad  – Griffin  5-12
Grembach Lodz – Kreiss  5-1
Falfala Kfar Qassem BS Club  – Lokomotiv Moscow  1-8


La classifica parziale:

Girone A: Lokomotiv Moscow 3 punti, Sambenedettese 3 punti; Falfala Kfar Qassem BS Club  0 punti, Tarragona 0 punti
Girone B: CF Os Belenenses 3 punti, Besiktas JK  3 punti; Lexmax 0 punti, SC Montredon Bonneveine 0 punti
Girone C: Goldwin Pluss 3 punti, Kefallinia  3 punti; BS Egmond 0 punti, AO Kefallinia 0 punti
Girone D: Griffin 3 punti, Grasshopper 3 punti; Viareggio 0 punti, Sandown Sociedad 0 punti
Girone E: Terracina 3 punti, Grembach Lodz 3 punti; Baku FC 0 punti, Kreiss 0 punti

Il calendario e i gironi della Euro Winners Cup, che comincia ora

Siamo giunti al fischio d’inizio della Euro Winners Cup, la prima edizione della coppa europea per club di beach soccer che comincerà alle 11 di oggi mercoledì 15 maggio e terminerà domenica 19 maggio. Venti squadre provenienti da 18 nazioni europee si fronteggeranno nella Beach Arena di San Benedetto del Tronto per contendersi il titolo di campioni d’Europa.
Fino a venerdì la competizione sarà suddivisa in cinque gironi da quattro squadre ciascuno. I primi due classificati di ogni girone si scontrano sabato mattina per i quarti di finale e nel pomeriggio per le semifinali. Nella giornata conclusiva di domenica avverrà il coronamento dei campioni: alle 14:45 finale per il terzo e quarto posto e alle 18:30 la finalissima.
Le squadre italiane che partecipano alla competizione sono tre: Sambenedettese Beach Soccer in qualità di padrona di casa, i campioni d’Italia del Terracina e la Viareggio BS, seconda classificata nella scorsa Serie A Enel 2012 nonchè vincitrice della Coppa Italia.

Tra i favoriti delle altre diciassette squadre, tutte vincitrici del campionato nazionale in patria, troviamo la russa Lokomotiv Mosca e il Gimnàstic de Tarragona, entrambi nello stesso girone (davvero poco fortunato) della Sambenedettese. Grandi aspettative anche per il  Grasshoppers Zurigo, che conta sulla presenza in rosa di quattro campioni europei in carica e delle stelle Stankovic e Amarelle.

La Umpi Smart Beach Arena sarà la location che ospiterà la Winners Cup: lo “stadio di sabbia” allestito per l’occasione è situato nell’area antistante l’ex-camping di San Benedetto del Tronto, a metà dei 4 chilometri di lungomare. In occasione dell’evento verrà presentato l’innovativo progetto SABBIA (Smart Arena Beach Best Innovation Available) realizzato dall’azienda UMPI, specializzata nelle tecnologie powerline e in particolare nel cablaggio delle Smart Cities. L’impianto di San Benedetto sarà infatti il primo al mondo a coniugare alla disciplina del beach soccer le parole d’ordine comfort tecnologico e sostenibilità, con l’obiettivo di far scaturire dallo sport un nuovo modo di vivere la spiaggia e insieme un’opportunità per la città.
Il torneo è organizzato dall’Assessorato allo sport di San Benedetto del Tronto in collaborazione con la Lega Nazionale Dilettanti e la Beach Soccer World Wide.

 

I 5 GIRONI

–   Girone A: Sambenedettese BS (Italia), Lokomotiv Mosca (Russia), Gimnastic Tarragona (Spagna), Falfala Kfar Qassem (Israele)
–   Girone B: Lexmax (Moldavia), Cf  Os Belenenses (Portogallo), Sc Montredon Bonneveine (Francia) e Besiksta Jk (Turchia).
–   Girone C: Goldwin Pluss (Ungheria), Ao Kefallinia (Grecia), Bate Borisov (Bielorussia) , Bs Egmond (Olanda).
–  Girone D:  Griffin (Ucraina), Viareggio Bs (Italia), Grasshoppers Club Zurich (Svizzera), Sandown Sociedad (Regno Unito).
–  Girone E: Terracina (Italia), Grembach Lodz (Polonia), Kreiss (Lettonia), Baku Fc (Azerbaijan)
IL CALENDARIO 

Mercoledì 15 maggio:
11.00-12.15 AO Kefallinia – Bate Borisov
11.00-12.15 Beach Soccer Egmond – Goldwin Pluss
12.15-13.30 Besiktas JK  – Lexmax
12.15-13.30 CF Os Belenenses  – SC Montredon Bonneveine
13.30-14.45 Viareggio BS  – Grasshopper Club Zurich
13.30-14.45 Sandown Sociedad  – Griffin
14.45-16.00 Grembach Lodz  – Kreiss
16.00-17.15 Baku FC  – ASD Terracina BS
17.15-18.30 Falfala Kfar Qassem BS Club  – Lokomotiv Moscow
18.30-19.45 Gimnàstic de Tarragona  – Sambenedettese BS

Giovedì 16 maggio:
11.00-12.15 Goldwin Pluss  – Bate Borisov
11.00-12.15 AO Kefallinia  – Beach Soccer Egmond
12.15-13.30 CF Os Belenenses  – Besiktas JK
12.15-13.30 Lexmax – SC Montredon Bonneveine
13.30-14.45 Viareggio BS – Sandown Sociedad
13.30-14.45 Griffin – Grasshopper Club Zurich
14.45-16.00 Grembach Lodz  – Baku FC
16.00-17.15 ASD Terracina BS – Kreiss
17.15-18.30 Lokomotiv Moscow  – Gimnàstic de Tarragona
18.30-19.45 Sambenedettese BS – Falfala Kfar Qassem BS Club

Venerdì 17 maggio:

11.00-12.15 Bate Borisov – Beach Soccer Egmond
11.00-12.15 Goldwin Pluss  – AO Kefallinia
12.15-13.30 SC Montredon Bonneveine  – Besiktas JK
12.15-13.30 Lexmax  – CF Os Belenenses
13.30-14.45 Griffin  – Viareggio BS
13.30-14.45 Grasshopper Club Zurich  – Sandown Sociedad
14.45-16.00 Kreiss – Baku FC
16.00-17.15 ASD Terracina BS- Grembach Lodz
17.15-18.30 Falfala Kfar Qassem BS Club  – Gimnàstic de Tarragona
18.30-19.45 Sambenedettese BS – Lokomotiv Moscow

Sabato 18 maggio:  h 9:00 quarti di finale – h 17:45  semifinali
Domenica 19 maggio:  h 14:45 finale per 3° e 4° posto – h 18:30 finale per il 1° posto

Beach soccer: regole e competizioni

Il beach soccer (in italiano “calcio da spiaggia”) è un gioco simile allo sport del calcio, la cui caratteristica principale è il campo da gioco: la sabbia.

Nato in Brasile, dove è attualmente popolarissimo, il calcio da spiaggia è arrivato in Italia quasi vent’anni fa.
Nel 1995 si sono svolti i primi campionati del mondo sulla spiaggia di Copacabana a Rio de Janeiro e tre anni più tardi, nel 1998, è stata fondata la Euro Beach Soccer League con Spagna, Italia, Francia e Portogallo quali Paesi fondatori.
La disciplina è riconosciuta dalla FIFA e si svolgono quindi campionati nazionali ed internazionali.
Tra questi, si affaccia quest’anno sulla spiaggia di San Benedetto del Tronto la 1° Euro Winners Cup (15/19 maggio): tra i partecipanti venti squadre provenienti da tutta Europa suddivise in quattro gironi, compresa la Samb Beach Soccer che cercherà di competere con i giganti del calcio da spiaggia europeo.

Il regolamento ufficiale è costituito da 18 regole (simili a quelle del calcio a cinque). Le principali sono:

  •  Si gioca su sabbia e a piedi nudi.
  •  Ogni squadra è costituita da 5 giocatori, compreso il portiere; in panchina da 3 a 5 giocatori.
  •  Diversamente dalle tre previste nel gioco del calcio vero e proprio, il numero di sostituzioni è illimitato.
  •  Gli arbitri sono due.
  •  Si giocano 3 tempi da 12 minuti ciascuno con 3 minuti di intervallo tra un tempo e l’altro.
  •  La partita non può finire in parità: si giocano tempi supplementari di 3 minuti con la regola del golden gol ed eventualmente i rigori.
  •  Le punizioni sono sempre dirette, senza barriera e può batterle soltanto chi subisce il fallo.
  •  A differenza del calcio, il portiere ha la possibilità di prendere il pallone con le mani su un retropassaggio di piede da parte di un giocatore della propria squadra.
  •  Il campo deve avere una lunghezza massima di 40 metri e minima di 34, larghezza massima di 30 metri e minima di 24.

L’appuntamento ufficiale italiano è invece promosso dalla FIGC ed è un tour estivo itinerante che tocca le varie spiagge italiane.
Le squadre sono divise in due raggruppamenti (Nord e Sud) e si scontrano in gare di sola andata. Le prime 4 di ogni gruppo si affronteranno poi per lo scudetto vero e proprio. Importante realtà del beach soccer  è l’ “Italia Beach Soccer”, rappresentativa italiana per  la Beach Soccer European Golden League, che ha visto militare nelle sue fila campioni del calibro di  Franco Baresi, Bergomi, Di Biagio, Di Canio, Evani, Ganz, Marchegiani, Nela, Tacconi e tanti altri. https://www.italiabeachsoccer.com/

 

 

 

Samb-Bayern Monaco, storia di un’amicizia nata in curva nord

Cosa hanno in comune il pontefice emerito Joseph Aloisius Ratzinger e l’Oktoberfest, l’imponente fiera della birra che si tiene ogni anno a Monaco di Baviera? Ad entrambi si può pensare con religioso rispetto, certo, anche se per motivi totalmente differenti e che nel secondo caso nulla hanno a che fare con la religione vera e propria, seppure l’elevato consumo di alcol possa condurre alcuni a deliri mistici. Nei fatti è la provenienza che li accomuna: lo stato federato tedesco (Land) meglio noto come Baviera.
Baviera, Riviera; non è una rima di poco conto, vista la strategia di promozione turistica, presentata in conferenza stampa il 7 marzo, che verrà a breve attuata dall’Associazione Albergatori Riviera delle Palme e BeeLab. Lunedì 11 marzo si è tenuta infatti la presentazione ufficiale di San Benedetto del Tronto al ristorante Gutshof Menterscwaige di Monaco alla quale è seguita l’inaugurazione di un sito web dedicato per intero a promozioni turistiche mirate alla popolazione bavarese.
Si è deciso di focalizzare l’attenzione proprio sulla Baviera a partire da accurate analisi della domanda e dei flussi turistici, da cui è emerso un crescente interesse verso la riviera marchigiana e San Benedetto in particolare, non a caso: esiste infatti un patto d’amicizia che lega Monaco di Baviera alla nostra città, un gemellaggio fra la tifoseria del Bayern Monaco e quella Sambenedettese che negli anni ha portato ad amichevoli trasferte. 

Tutto è nato il 26 marzo del 2005, in occasione del match di campionato Samb-Napoli. Il movimento ultras tedesco aveva già cominciato ad appassionarsi alle curve italiane, sia a quelle da serie A che alle realtà minori con un buon seguito di tifoserie. Quest’ultimo era, ed è tuttora, il punto forte della squadra di casa nostra. Giunse così a San Benedetto del Tronto per dare man forte ai cori – e ai cuori – dei nostri tifosi, un drappello di ultras dell’ F.C. Bayern Monaco.
Da quel giorno, grazie anche ad un ultras sambenedettese che padroneggia la lingua tedesca, si instaura dapprima un’amicizia e poi un gemellaggio.

I tifosi del Bayern, in particolare il gruppo Schickeria, hanno seguito la Sambenedettese in molti appuntamenti in casa, in trasferta (a Cava dei Tirreni, Reggio Emilia, Pescara) e dal 2008 sono sempre presenti al torneo in ricordo della morte di Luigi Coccia, in arte Tamburello, tifoso storico della Samb. 

La tifoseria sambenedettese, da parte sua,  non è mai mancata alle partite più importanti. Basti citare, tra tutti, i due match di Champions League: il 7 aprile 2010 Manchester-Bayern (terminata 3 a 2 per il Manchester) e la finalissima del 22 maggio dello stesso anno, Inter-Bayern (vinta 2 a 0 dal club milanese, con doppietta di Milito). Ogni anno, inoltre, molti ultras nostrani partono alla volta della Germania cercando di far coincidere una partita del Bayern con la più grande fiera del mondo, l’Oktoberfest.

Sono stati centinaia i tifosi tedeschi che negli ultimi sette anni hanno trascorso le vacanze in Riviera, a dimostrazione della solidarietà e della passione che l’universo calcistico – quello buono – può portare con sé. Un sodalizio che dal caloroso mondo del calcio è approdato alle nostre spiagge, e spera di tornarci.