Che cos’è l’Asado

Dal 5 all’11 agosto l’Ex-Galappotaio di San Benedetto del Tronto ospita Que Rico!, la prima grande sagra tradizionale argentina a base delle specialità tipiche dei nostri cugini sudamericani. Nel menu compaiono infatti le empanadas (panzerotti fritti ripieni), il chorizo (la salsiccia), i choripan (panini con la salsiccia) e il celebre piatto nazionale argentino, l’asado.
L’asado, che tradotto letteralmente equivale al nostro “arrosto”, indica sia un piatto che una particolare tecnica di barbecue utilizzata, oltre che in Argentina, anche in Brasile, Cile, Colombia, Paraguay, Perù e Uruguay.
Un asado classico in genere consiste in carne di manzo (ma può essere anche di ternera, cioè di vitello) ed altri tipi di carni che vengono cucinate su una griglia, la cosiddetta parrilla, o a fuoco aperto.
In occasione di eventi più formali, come al ristorante, la preparazione spetta all’ asador o parrillero, mentre invece se ci si trova in famiglia o tra amici, come avviene per i nostri barbecue all’italiana, viene effettuata in modo collettivo da volontari.
que-rico-sagra-argentina-san-benedetto-del-trontoCaratteristica del piatto è la sua cottura, particolarmente lenta (si possono impiegare anche ore), che serve ad esaltare il sapore e la consistenza della carne. Di solito si inizia con l’accensione del carbone vegetale, composto da alberi autoctoni, escludendo pini ed eucalipti, poiché questi ultimi emanano resine maleodoranti. Ci sono due modi per procedere alla sistemazione della carne sul fuoco: il primo prevede l’accensione del fuoco per terra circondato da croci di metallo, le asadores, su cui si fissa l’intera carcassa dell’animale per permetterle di assorbire tutto il calore. Nel secondo caso si fa il fuoco, si lascia formare il carbone e vi si poggia una semplice griglia sopra con le carni. Il calore e la distanza dalla brace sono sempre controllati per permettere la lentezza della cottura, stimata mediamente intorno alle 2 ore.
Per quanto riguarda il condimento, l’unica aggiunta è quella di sale prima e/o durante la cottura, oppure per insaporire ancora un po’ c’è il chimichurri, una miscela di olio, spezie, aceto e limone.

Se volete cimentarvi nell’impresa, ecco un tutorial per la preparazione dell’asado:

Seguici su Twitter

  • ...loading...

Seguici su Facebook

Realizzato col contributo di...

© Mare del Piceno
Tutti i diritti riservati